InChanto

Image
  Michela Scarpini-voce solista, percussioni / Giampiero Allegro-clarinetti, flauti dolci, tin whistles / Franco Barbucci-violino / Marco Del Bigo-chitarra-liuto, cetera, bodhràn, darbouka, arpa / Cesare Guasconi-ghironda, tastiere, dulcimer, geyerleier

InChanto si forma nella prima metà degli anni ‘90 con l’intento di proporre un repertorio musicale totalmente di propria composizione che prende spunto dal folk europeo e dalla cultura del Rinascimento italiano. I brani del gruppo scaturiscono non tanto dall’esigenza di una ricerca filologica, quanto dal desiderio di proporre una musica d’autore, accostando strumenti musicali della tradizione classica e popolare e componendo i testi in lingue antiche e moderne di varie culture (latino, provenzale, corso, maltese …). Il risultato di questo percorso musicale e letterario è un’ “alchimia sonora“ che, filtrata attraverso una sensibilità mediterranea, evoca sempre atmosfere in costante equilibrio tra antico e moderno, colto e popolare, e dà vita ad un impasto essenziale ed originale di forte impatto emotivo.

 InChanto ha pubblicato quattro Cd: “Muliermala” (Ethnoworld, 2000), “Amors” (Ethnoworld, 2002), “Città sottili” (RadiciMusic, 2006) che ha ottenuto i riconoscimenti “Bravo!” e “Lira Gillar” dalle riviste francese “Trad Magazine” e svedese “Lira”, e infine “Le stanze di Ambra” (RadiciMusic, 2011), già ottimamente accolto dalla stampa specializzata italiana.

Da sempre il gruppo ha cercato di coniugare la propria musica con altre espressioni artistiche: la danza, il teatro, il cinema. Da citare, tra tutti, lo spettacolo “…E il pianto si mutò in canto..” (Poggio a Caiano, 2007) con la partecipazione dell’attrice Pamela Villoresi: una sintesi di danza, musica e recitazione ispirato al poemetto “Ambra” di Lorenzo Il Magnifico, da cui è nato l’ultimo  lavoro discografico.

Nel corso degli anni InChanto ha partecipato ad importanti manifestazioni sia nell’ambito della musica etnica (“Etnitalia”-Maratea/Pz – “Samonios”-Milano – “All’ombra del Colosseo”-Roma), che della musica classica (“Festival Umberto Giordano”-Baveno/Vb, “Festival”-Mercatello sul Metauro/PU) o d’autore (“Progetto Cultura”–Castelbasso/Te), nonché a festivals all’estero (“FIMU” in Francia, “Stimmen Festival” in Germania). Brani ed interviste sono andati in onda in trasmissioni televisive e radiofoniche su emittenti nazionali (RAI 2, RAI 3, Rete 4, Radio2, Rai Sat, Radio Popolare Network, Novaradio, Radio Voce Spazio…) ed estere (Radio Circolo-Madrid, Radio Canada, KDVS-California, DeutchlandFunk-Colonia, Radio Nazionale Portoghese, Kuak FM U.S.A., France Bleu…).

 

Recensioni

“Le stanze di Ambra”

"E’ strano come un gruppo così, con quindici anni di attività alle spalle e tre album in studio prima di questo, sia rimasto pressoché nascosto alle attente orecchie degli appassionati di musica Prog... Gli InChanto sono riusciti a catturare tutto il fascino di queste terre trasformandolo in linfa vitale per le proprie opere che traggono ispirazione dalla musica antica e dal folk europeo ma che sfoggiano un approccio colto ed accademico con squisite contaminazioni sinfoniche... La loro musica conserva l’umiltà della tradizione popolare che viene trasfigurata attraverso una rilettura elegante, ricercata e dal taglio moderno." (Jessica Attene - "Arlequins", marzo 2012) http://www.arlequins.it/pagine/articoli/alfa/corpo.asp?ch=4986

"..questo quarto disco può rappresentare la definitiva consacrazione del gruppo InChanto tra i migliori gruppi folk italiani. Sicuramente una grande presenza scenica, originali e innovativi quanto basta a rendere “evento” ogni loro produzione discografica." (Loris Bohm - "Line Trad", marzo 2012http://www.linetrad.it

“… una felice unitarietà d’ispirazione, evocatrice di mondi irreali attraverso melodie delicate e armonie emozionali … un insieme di tutto rispetto per interpretare composizioni originali di buona efficacia … Uno fra i migliori Cd usciti nello scorso anno nel nostro Paese e forse non solo.” (Roberto Sacchi - "Folk Bulletin", febbraio 2012http://folkbulletin.folkest.com/le-stanze-di-ambra-%e2%80%93-inchanto-%e2%80%93-radicimusicrecords-rmr-136-2011/

“… un punto di svolta per il loro percorso artistico … una grande ricchezza di suoni e suggestioni … momenti di grande intensità poetica …” (Salvatore Esposito - "Blogfoolk", dicembre 2011) http://www.blogfoolk.com/2011/12/inchanto-le-stanze-di-ambra-siena.html

 

“Città sottili”

Segnalazione di merito “Bravo” - “Superbe disque de musique actuelle (mais acoustique!) …Magnifiquement produit. Du joli travail…Les ambiances se succèdent les unes aux autres, fluids… Superbe voyage…” (Maria Rossi - ”Trad Magazine” (Francia) / luglio/agosto 2007)

“…L’eccellente indirizzo musicale combina la cristallina precisione della musica classica e il calore, l’universalità e i ritmi degli stili tradizionali, che forniscono un accompagnamento ideale per la graziosa voce di Michela Scarpini…” (Ken Hunt - ”Folk Roots(Inghilterra) / ottobre 2007)

“…Città sottili è un elegante arazzo finemente intessuto. Il gruppo usa gli incroci culturali della Toscana, con i suoi numerosi linguaggi ed influenze musicali, per esplorare i confini, spesso porosi e sottili, tra genti, paesi e culture e, più profondamente, tra passato e presente, realtà ed illusione…” (Chris Heim - ”Dirty Linen(Stati Uniti) / ottobre 2007)

“…c’è qualcosa di decisamente affascinante in quello che essi fanno, che sia il recitato sulla musica dell’iniziale “Le città e il cielo” o il brioso gioco strumentale di “Le cidre et le vin”, in cui melodie semplici ma sonore sono volte in un superbo arrangiamento... benché il loro intento non sia quello di ricreare la musica antica di Toscana, in quel che fanno c’è un’atmosfera senza tempo e una robusta bellezza del suono. Leggendo il saggio nel booklet penserete che sono molto accademici e filosofici, ma mettete il CD e vi troverete avvolti dalla gioia.(Chris Nikson - ”Sing Out!” (Stati Uniti) / settembre 2007)

“ …Le composizioni e l’interpretazione sono eccellenti, delicate, affascinanti, senza cadere in luoghi comuni, con una certa atmosfera classica che risveglia la nostra anima Castigliana, sebbene la molteplicità di timbriche da un lato insieme alla voce femminile di aria medievale mostrano una ricchezza sonora adatta alle orecchie che prediligono le sonorità celtiche, e al tempo stesso per quelle più sperimentali, per quelli che cercano qualcosa che vada oltre, senza rinunciare ai postulati classici del folk…(”InterFolk” (Spagna) / aprile 2007)

“...Il gruppo senese è riuscito negli anni a ritagliarsi uno spazio ben preciso fra la musica antica e quella popolare, protagonista un po’ defilato, ma di sostanza della scena revivalistica italiana da almeno un decennio…”Città sottili” si muove fra atmosfere più sognanti e avvolgenti, in cui l’accresciuta compattezza del gruppo trova ancora maggiore efficacia, con l’attraente voce di Michela Scarpini non più isolato faro ma finalmente espressione di un suono d’insieme interessante e solido…(Sergio Palumbo-”Folk Bulletin” (Italia) / giugno 2007)

“... Con meravigliosa facilità essa passa dal canto tradizionale allo sperimentale, dai dialetti alle lingue. Sulla base della musica Rinascimentale, della tradizione toscana, anche scritta, del folk irlandese e delle influenze di altre culture mediterranee gli InChanto hanno creato un proprio cosmo musicale...sono veramente maestri nell'oltrepassare il confine: tradizione e modernità, suoni eterei e della terra si fondono in modo naturale....” (Martin Steiner - ”Folker” (Germania) / maggio 2007)

Segnalazione di merito “Lira Gillar” “…La loro musica è suadente, senza essere troppo sdolcinata, tradizionale senza suonare vecchia. Uno dei più pregiati vini italiani è il Brunello di Montalcino. Anch’esso viene dalla Toscana. Adesso io ho due buone ragioni per andare là…(Ulf Torstensson - “Lira” (Svezia / marzo 2007)

 

Discografia:

“Ludus Venti” (autoprodotto, 1999)

“Muliermala” (Ethnoworld, 2000)

“Amors” (Ethnoworld, 2002)

“Città sottili” (Radicimusic, 2006)

“Le stanze di Ambra” (Radicimusic, 2011)

Compilations: “Sampler 2” (Ethnoworld, 2001) - “Samonios” (Terzo Millennio, 2002) - “Delle terre, dei cuori” (Terzo Millennio, 2003) - “Italian Roots” (Radici Music Records, 2007)

Tipologia : Band o Gruppo musicale

Generi : Acoustic, Folk, Celtic

Comune : CASTIGLIONE D'ORCIA

Indirizzo : via Cassia, 39

E-mail : inchanto@mail.it

Sito : www.faceboo.com/inchantoensemble

Recapiti 0577 880154, 339 1050576

Segnala la pagina InChanto

Condividi